BERLUSCONI E’ INELEGGIBILE

 
Sostiene Bersani che l’unico voto utile per chiudere definitivamente con Berlusconi è quello al Pd. Sostiene Monti che Berlusconi i voti li compra, come dire che è un delinquente in senso tecnico. Sostiene Bersani che la prima legge che il suo governo farà approvare sarà sul conflitto di interessi. E Berlusconi confessa coram populo di essere un truffatore, mandando milioni di falsi rimborsi Imu, sperando in qualche pensionato analfabeta.

Bersani e Monti hanno un modo molto semplice per convincere gli italiani che le loro parole non sono emissioni di borborigmi propagandistici: si impegnino solennemente ad applicare, come loro primo gesto parlamentare, la legge sul conflitto di interessi che esiste già dal lontano 1957, e in base alla quale Berlusconi non è eleggibile.

Sostiene la legge 461 del 1957 all’articolo 10 comma 1, infatti, che non sono eleggibili “coloro che in proprio o in qualità di rappresentanti legali di società o di imprese private risultino vincolati con lo Stato per contratti di opere o di somministrazioni, oppure per concessioni o autorizzazioni amministrative di notevole entità economica”. In sede di discussione fu precisato che per “notevole entità economica” si intendeva qualunque concessione che eccedesse in valore quella di una tabaccheria. Anche a un immaginifico (s)mentitore professionale come il Cavaliere putiniano di Arcore risulterà difficile contestare che Canale 5, Rete 4, Italia 1 valgano un po’ di più, nel loro complesso, di un “sale e tabacchi”.

L’applicazione della legge 461/1957 è affidata in entrambi i rami del Parlamento alla rispettiva “Giunta per le elezioni”, che delibera a maggioranza. Anziché applicarla, la legge l’ha violata nel 1994 la maggioranza Berlusconi-Bossi-Fini-Casini, ed era un’indecenza prevedibile. Ma l’ha poi violata per due legislature anche la maggioranza dei Prodi, D’Alema, Bertinotti e altri Veltroni, immemore della protesta già avanzata da un comitato promosso da Vittorio Cimiotta (“Giustizia e Libertà”) e formato da Alessandro Galante Garrone, Paolo Sylos Labini, Ettore Gallo, Vito Laterza, Alessandro Pizzorusso, Aldo Visalberghi, Antonio Giolitti e il sottoscritto.

Poiché “perseverare diabolicum”, Bersani scandisca da qui al 24, in ogni discorso e dichiarazione, che se il Pd avrà la maggioranza la legge del ’57 non sarà più violata, e Berlusconi sarà perciò dichiarato “non eletto”. Se non ha nemmeno questo elementare coraggio (in realtà elementare decenza) non parli più di voto utile, visto che il voto al Pd sarebbe invece un voto complice.

Paolo Flores d’Arcais, Il Fatto Quotidiano

 

16 pensieri su “BERLUSCONI E’ INELEGGIBILE

  1. Berlusconi: “Non parteciperò alle elezioni, faccio un passo indietro”.
    Alfano “Faremo le primarie”.
    Maroni : “Mai più con Berlusconi”.
    Albertni: “Sarò presidente per il PDL”.
    Formigoni: “Appoggerò Albertini”.
    Ambrosoli: “Non ho nessuna intenzione di candidarmi”.
    Queste frasi sono state pronunciate solo poche settimane fa: COME POSSIAMO FIDARCI DI LORO?

  2. Perché l’inesperienza politica di Ambrosoli costituisce un valore aggiunto mentre la stessa inesperienza costituisce un grave handicap per i candidati del Movimento 5Stelle? Mah!!???

  3. Mi domando come possa ricandidarsi e ricevere un solo voto una persona che ha dimostrato di raccontare frottole a più non posso, di essere abilissimo a negare l’evidenza, di avere sinceri sentimenti antidemocratici, di trattare i suoi elettori come persone con poco cervello e le donne come oggetti sessuali. Perché, mi chiedo, in un’ altra nazione a Berlusconi riderebbero in faccia e non sarebbe per nulla considerato mentre in Italia è in grado di fare affluire alle poste centinaia di persone con il suo falso modulo di restituzione dell’IMU? Perché gli italiani sono più coglioni? Purtroppo sì, non vedo altra spiegazione.

  4. Grazie all’eccelsa preparazione politica dei parlamentari dei nostri due maggiori partiti, andremo a votare con una legge il cui nome è tutto un programma: PORCELLUM. Gli italiani ringraziano e non dimenticheranno.

  5. Silvio ha promesso che restituirà di tasca sua l’Imu sulla prima casa: è solo un piccolo risarcimento per i gravissimi danni che ha portato a tutti gli italiani. Ma tanto sappiamo già come andrà a finire……….

  6. Nessuno ha mai messo in dubbio le competenze dei leghisti quando scesero in campo quasi 20 anni fa. Eppure le facce da zotici ce le avevano. Per quanto ho sentito, il 99% dei rappresentanti del Movimento5stelle sono cittadini laureati. “E’ meglio un salto nel nulla con noi, che un suicidio di massa con loro” ha dichiarato il rappresentante grillino (meritatamente in carica in Sicilia) ieri sera in piazza S.Giovanni a Roma, spaventosamente gremita di gente!

  7. Ancora oggi non capisco se Violante, denunciando l’inciucio nel video con Berlu, l’abbia fatto per leggerezza, per stupidità, per disperazione o perchè voleva finalmente rivelare agli Italiani l’accordo-inganno che il Pd aveva fatto alle spalle dei suoi elettori. Una cosa è certa:nessuno che votava e vota Pd,l’ha ascoltato!!!

  8. Io voto 5 stelle ! Mandiamo a casa quella massa di cialtroni che ha disatteso in ogni modo le esigenze del popolo , ormai considerato come la plebe . loro sono la nobiltà , gli intoccabili con le mani luride delle truffe , dei raggiri delle menzogne che ogni giorno ci hanno propinato . Dobbiamo mettere nel cassetto le ideologie e pensare al bene del nostro paese . Il triunviato Monti – Berlusconi – Bersani ci ha governato negli ultimi mesi e adesso fanno lo scarica barile ! Ignobili ! Votare 5 stelle significa dare una Spallata al sistema , aprire gli armadi , cambiare e girare pagina . Diamo una speranza ai nostri figli oggi possiamo riscrivere la storia . Forza Italia ! ( non il partito ;-) )

  9. Il Pd ha fatto risorgere Berlusconi un’altra volta per continuare insieme a lui a saccheggiare il Paese. Bersani ha preso un contributo elettorale dalla famiglia Riva-Ilva di Taranto. Anche per questo non avrà il mio voto.

  10. Devo purtroppo inquietare Bersani. Anni fa, all’epoca dei girotondi, disse che i manifestanti erano “virtuali” mentre i suoi manifestanti erano in carne ed ossa. Gli 800.000 della manifestazione di Piazza san Giovanni, glielo assicuro, non erano Avatar.

  11. Avete visto la gente in piazza a Roma da Grillo? Che colpo d’occhio maestoso! E’ il caso di ricordare “El pueblo unido jamàs serà vencido”. Spero che sia veramente la volta buona.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>